Piorrea

5694387822_5695de2bb4_b_women-smilingPiorrea: definizione

La piorrea è una malattia tipica delle gengive, che causa il ritiro delle stesse e di conseguenza instabilità dei denti prima e, conseguentemente la loro caduta. Molto spesso la causa principale è una gengivite non curata, gengivite causata dall’accumulo della placca batterica che, a lungo andare, danneggia le gengive.

Piorrea: sintomi

I sintomi possono essere diversi: sanguinamento e tumefazione delle gengive, alitosi e l’apparente allungamento dei denti, che in realtà è dovuto dalla retrazione delle gengive e dal riassorbimento osseo.

Piorrea: cause

Le cause principali della malattia parodontale sono molteplici; innanzitutto una cattiva igiene orale, con conseguente aumento della placca batterica che arriva ad insinuarsi sempre più in profondità, quasi a mo’ di  cuneo, tra le gengive e la superficie radicolare dei denti e diviene in tal modo sempre meno raggiungibile dallo spazzolino e dal filo interdentale; una predisposizione genetica, cioè un sistema immunitario non sufficientemente sviluppato e  in grado di poter aggredire la flora batterica interessata; il diabete mellito, se non adeguatamente compensato; la cattiva abitudine al fumo, assunzione di alimenti e bevande troppo zuccherine.

Recenti stime indicano che circa l’80% della popolazione adulta è affetta da disturbi gengivali. Per lungo tempo si è creduto che le malattie periodontali fossero limitate all’ambiente in cui hanno origine, la bocca, e non influenzassero le altre funzionalità organiche. Recenti studi clinici hanno stabilito, invece, che esse hanno ripercussione in tutto l’organismo. Tra i principali rischi correlati alla piorrea vi sono: possibile peggioramento dell’osteoporosi, maggiore predisposizione alle malattie dell’apparato respiratorio, aumento del rischio di infarto, peggioramento del diabete mellito.

Piorrea: cura

La prevenzione di questa malattia inizia a casa con un’accurata igiene dentale, passando anche il filo interdentale e facendo una pulizia professionale almeno una volta all’anno. Nelle forme meno gravi di piorrea, questi trattamenti sono sufficienti a garantire la guarigione della gengivite. Se però la piorrea è già in uno stato avanzato, bisogna ricorrere a trattamenti chirurgici che possono essere di plastica gengivale o rigenerativi, ossia ottenere la rigenerazione dei tessuti parodontali (gengiva e osso) grazie all’ausilio di biomateriali e membrane appositi.

Leave a Reply

Your email address will not be published.